I primi passi al ristorante

Cerchiamo di elencare una serie di suggerimenti utili a chi per la prima volta decide di provare l’esperienza di assaggiare il sushi.

 

Scegliere un buon ristorante di sushi
Soprattutto se si tratta della prima esperienza, è fondamentale scegliere un buon ristorante.
Ciò che fa la differenza tra ristoranti è essenzialmente la estrema qualità e la freschezza delle materie prime, il che può non essere sinonimo di risparmio, semmai si può sperare in un buon rapporto qualità/prezzo.
Di basilare importanza, l’estrema cura nel trattamento delle materie prime ed un sapiente condimento del riso che dipenderanno dall’abilità del maestro di sushi, vero protagonista assoluto del ristorante. Infine non dimentichiamo il gusto e l’estetica raffinata nella presentazione del piatto che sono fondamentali nella cultura gastronomica giapponese.

 

Sedersi al Kaitensushi
Kaitensushi
Il kaitensushi è un nastro trasportare lungo il quale girano dei piattini colorati contenenti differenti preparazioni, ad ogni colore differente corrisponde un prezzo.
Sedersi al kaiten, non solo ci toglie dall’impaccio di dover capire con esattezza cosa stiamo per ordinare, ma ci permette di godere dello spettacolo del Maestro di sushi che sfiletta e taglia il pesce preparando con perfezionismo i pezzi da porre sul nastro.

 

Ordinare da bere
Il sushi ha un sapore molto delicato e quindi la scelta delle bevande con cui accompagnarlo assume particolare rilevanza, per evitare che queste possano contrastare o sovrastare il sapore del cibo. Le bevande che consigliamo di ordinare sono il sake, la birra o il thè verde.

Sakè Giapponese
Il sake è una bevanda alcolica tipica del Giappone. Si tratta di un vino di riso servito tra i 10 e i 20 gradi. Viene servito freddo o temperatura ambiente se si consuma durante il pasto, verrà invece servita riscaldato se consumato alla fine del pasto.
Ideale la scelta della birra, le più note sono Asahi, Kirin e Sapporo.
Sconsigliamo di ordinare del vino, la cui scelta non adatta può compromettere la buona riuscita del pasto, ed anche di bere dell’acqua, perché inibisce i recettori del gusto della bocca.

 

Tavola Giapponese
Cosa troverete sul bancone
Una ciotolina vuota, una bottiglietta di Salsa di soia (Shoyu), le bacchette di legno (Hashi) e un’altra ciotolina contenente sottilissimi fettine di zenzero rosa o bianche (Gari). Versate la salsa di soia nella ciotolina vuota, se vi portano un asciugamano caldo pulite le mani prima del pasto.

 

Mangiarlo correttamente
Impugnate le bacchette, cingete la preparazione prescelta e portatela alla bocca mangiandola in un sol boccone. Se desiderate immergerlo nella salsa di soia, lo inclinate leggermente su un lato per poi intingerlo nella soia soltanto dalla parte del pesce. Considerate che i Giapponesi fanno un uso parsimonioso della salsa di soia per evitare che il suo sapore salato copra quello del pesce. Se non riuscite ad usare le bacchette potete usare le mani.

 

Zenzero Gari
Le fettine di Zenzero
E’ buona norma, prima di mangiare differenti preparazioni di sushi, o tra un piatto e l’altro, rinfrescate la bocca con una fettina di Gari in modo da pulire il palato e le papille gustative evitando una contaminazione di sapori.

 

Assapora…
Ascolta le sensazioni che si susseguono al palato, la morbidezza del pesce che si fonde al riso. Ciò che meraviglia è l’armonia tra i vari elementi, l’equilibrio di gusto e consistenza.

 

Tutti i diritti riservati © 2019

Contatti

Website: www.sushiaroma.it
Email: info@sushiaroma.it

Ci trovate anche su:

Ads

In questo sito non sono censiti ristoranti all you can eat

Segnala il tuo ristorante